Contenuto principale

IMG 20181118 190955 1

Tra il 1914 e il 1918 l’Europa viene sconvolta da un conflitto che segnerà le sorti di tutto il pianeta: la prima guerra mondiale. Per conoscere meglio e con maggior consapevolezza le cause, gli eventi e le caratteristiche di questo tremendo e lunghissimo periodo di ostilità belliche, il 16 Novembre la classe 5C ha partecipato ad un incontro con il recuperante ed esperto Lauro James Garimberti.

 

Una storia, la sua, iniziata per puro caso trent'anni fa, grazie alla sua passione per la montagna e l’alpinismo: imbattutosi durante una scalata di una parete rocciosa, in un reperto del passato, scoprì di avere tra le mani una formidabile testimonianza della prima guerra mondiale e scoprì quella che sarebbe diventata presto la sua passione, il recupero. Da allora, gavette, fucili, cartucce, mitragliatrici, oggetti personali, e ospedalieri, elmetti (tra cui il rarissimo elmo "Farina" che nel mercato collezionistico può arrivare a costare fino a 1500€) sono stati  da lui recuperati e restaurati ed oggi compongono la sua collezione (aperta al pubblico) di circa 2000 manufatti e oggetti bellici del primo conflitto. La passione del signor Garimberti è accompagnata ad una lodevole conoscenza storica degli aspetti anche meno noti e trattati del primo conflitto mondiale: le missive dei soldati al fronte, i campi di prigionia, la solidarietà e la forza dello "spirito italico", l’analisi attenta sullo scarto che ci fu tra nuove tecnologie belliche e vecchi modi di condurre la guerra. Notevole è stata l’attenzione posta sulle fotografie dell’epoca e sulle immagini dei soldati al fronte, testimonianze che ci hanno consentito di capire in maniera più autentica un periodo storico poliedrico e complesso nelle sue dinamiche, ma che deve essere tuttavia compreso per interpretare il presente e orientare il futuro.
Camillo Meletti, 5C classico . (Immagini a cura di Michelangelo Coclite, 5 C classico)

IMG 20181118 191549 1