Contenuto principale

IMG 20181102 WA0003

Venerdì 26 ottobre 2018 si è svolta la quinta edizione della “Giornata nazionale della Letteratura”, una festa che annualmente onora e ricorda la produzione degli autori del nostro paese, proponendo occasioni di approfondimento nelle scuole e nelle università di tutta Italia. Per l’occasione nella nostra città l’Associazione Degli Italianisti, in collaborazione con Reggio Children, ha organizzato un’iniziativa al Centro Internazionale Loris Malaguzzi  alla quale hanno preso parte le classi V A e V G sez. scientifica e V C sez. classica del Liceo, insieme ad altri studenti provenienti da varie scuole della provincia.

 

IMG 20181102 WA0002

Come indica il titolo Lettere dal ‘68 e dintorni, in tutte le città aderenti il tema al centro della giornata era quel periodo di grandi cambiamenti e rivoluzioni che ha indubbiamente segnato il Novecento italiano e internazionale.

L’evento è stata aperto dai saluti degli organizzatori e di altre autorità presenti, che hanno poi lasciato spazio ad Alberto De Bernardi,  docente di Storia contemporanea presso l’Università di Bologna.  Nell’elaborata relazione, arricchita da riferimenti autobiografici, lo storico ha presentato il ’68 come un movimento che provocò scosse e mutamenti non solo in Italia, ma su tutto il pianeta; una rivoluzione che rappresentò un’ennesima prova di forza dell’irrefrenabile spirito giovanile, propenso con energia a cambiare il presente, affacciato verso il futuro.

Successivamente, l’assemblea ha potuto ascoltare poesie e pensieri di Loris Malaguzzi, letti da Franco Ferrari, e un intervento del prof. Capitani che ne ha ricordato alcune caratteristiche. I frammenti dei testi del famoso pedagogista, ispiratore del progetto educativo alla base dei nidi e delle scuole d’infanzia della nostra città, si connettono perfettamente al tema del ’68, poiché Malaguzzi spesso sottolinea la voglia di creare e cambiare caratterizzante l’età giovanile e critica alcuni aspetti dell’educazione dei bambini, che spesso sfocia in un’oppressione.

Nella seconda parte della mattinata, gli studenti del nostro istituto hanno avuto modo di presentare le loro produzioni collegate al tema della giornata: la V A sc. ha letto un racconto e una poesia di Valentina Catellani, ispirati dal romanzo di Philip K. Dick “Do androids dream of electric sheeps?”, pubblicato nel ‘68, proponendo una critica alla ricerca della comodità tecnologica odierna. La V G sc. ha fatto riflettere il pubblico sui dogmatici condizionamenti sociali che uomini e donne subiscono fin dall’infanzia, presentando un cortometraggio realizzato dalla classe, basato sul saggio“Dalla parte delle bambine”, di Elena Gianini Belotti, del 1973.  La V C cl. ha concluso ‘recitando’ l’articolo Le pervestite di Camilla Cederna, un eccentrico scambio di opinioni sulla moda dei capelli lunghi, introdotta proprio dai giovani contestatori nel ‘68.

La mattinata si è conclusa con un finale ringraziamento all’ospitalità del Centro Internazionale Loris Malaguzzi.

Autore dell'articolo: Andrea Menozzi, 5A scientifico